Insegna al tuo gatto a non mangiare cibo domestico

Una volta che un animale domestico ha scoperto che il cibo umano ha un sapore migliore del cibo per animali, non si può sapere fino a che punto si spingeranno per prenderne ancora un pezzettino, sopratutto se ci dimentichiamo di avere la cena già nei piatti sulla tavola. Questo discorso si applica soprattuto ai gatti essendo degli abili saltatori e di una mola abbastanza indicata per arrampicarsi anche su tavole alte o penisole.

Rubare dei piccoli pezzetti di cibo è un comportamento molto comune tra i gatti ma un grosso problema da affrontare per molti proprietari di gatti, disperati quando non riescono a controllare i piccoli furti del proprio gatto.
Con i loro grandi occhi e le loro faccine buffe e carine, sono molto persuasivi nel cercare di ottenere ciò che vogliono quando si tratta di cibo. Spesso è anche necessario dare loro un piccolo spintone per allontanarli dato che i gatti sono animali persistenti su quello che vogliono.

Segui questo articolo per suggerimenti su come insegnare al tuo gatto a non rubare nei vostri piatti

Insegnare al tuo gatto a non mendicare al tavolo o ovunque richiede persistenza e costanza, sia che lo fate con un gatto cucciolo o con un gatto adulto. Il primo passo è rinforzare correttamente il termine “No” rimuovendo il gatto dalla zona pranzo in qualsiasi punto. Se il tuo gatto persiste, prova a metterla in una stanza separata e chiudere la porta per una sorta di punizione leggera.
In alternativa, puoi posizionare in alcune zone della cucina delle piccole bottigliette di plastica che lo allontaneranno essendo una delle maggiori fobie dei gatti, qualche no unito a delle impostazioni rigide ci aiuteranno sicuramente a far capire al nostro gatto chi comanda in casa.

 

Non aiuta il tuo caso se dici “no” una notte, e la sera dopo tua figlia sta segretamente dando da mangiare al gatto sotto il tavolo. Tutti in casa devono essere fermi e assumersi la responsabilità di impedire al tuo gatto di spizzicare il cibo.
Indica la tua zona pranzo come una zona permanente off limits per gatti in modo che il tuo gatto capisca il suo posto mentre tu o la tua famiglia state mangiando. Un altro ottimo consiglio per insegnare al tuo gatto a non mendicare è sempre nutrire il tuo gatto dal suo piatto. Scegli un’area nella tua casa che è l’area destinata ai gatti e fagli sempre trovare acqua e cibo nello stesso posto.

 

A seconda delle dimensioni del tuo pavimento potresti dover essere creativo per nascondere la tua zona ” Cena ” al tuo gatto ma cercare dovete essere rigidi in queste impostazioni anche se all’inizio sembrerà tempo perso, alla lunga questa è una tecnica che funziona. Non vuoi che il tuo gatto stabilisca una connessione tra dove mangi e dove mangia in quanto penserà che sono entrambi uguali e che le è permesso mangiare qualsiasi cosa venga dal tuo piatto. Assicurati che il tuo gatto capisca quale piatto è suo aggiungendo cibo di alta qualità ogni giorno. Un pasto di qualità farà molto per assicurarsi che il tuo gatto sia nutrito abbastanza e che non sia annoiato dalla sua attuale situazione alimentare. Dai da mangiare al tuo gatto qualcosa che gli piace e che vuole mangiare in modo tale da allontanarlo dal cibo e dal suo.

Inoltre, se dai da mangiare al tuo gatto prima di mangiare te, molto probabilmente sarà troppo pieno per chiedere il cibo mentre voi mangiate. Rimuovi sempre il cibo avanzato dal tavolo o dalla sala da pranzo quando il tuo gatto è presente. Sappiamo che se gli metti in bocca cibo gustoso e gratuito, sarà difficile per lui non mordere.
Ripulisci dopo aver mangiato e cerca sempre di comprare il cibo preferito del tuo gatto, evita di dargli cibo fuori orario anche se lo elemosina costantemente, il gatto è come un bambino piccolo e va educato sia per gli orari sia per le tecniche di alimentazione.

Cerca sempre di tener pulito la zona da mangiare del tuo gatto, molte volte i gatti sono schizzinosi e si rifiutano di mangiare se sentono odori strani o sono disturbati da qualcosa fuori posto.

Quali sono le razze canine più pulite?

Tutti i proprietari di cani sanno che ogni membro di famiglia a quattro zampe viene fornito con una certa quantità di disordine, ma alcuni cani sono naturalmente più puliti di altri? Imparando quali razze di cani sono i più puliti, puoi scegliere l’aggiunta pelosa migliore alla tua famiglia.

Definire sporco

Tutti i cani sono almeno un po ‘disordinati, ma la quantità di disordine che un proprietario di cane può tollerare varierà notevolmente. Per i proprietari con piccoli spazi, case in affitto, allergie per animali domestici o alta sensibilità a confusione, anche un cane un po ‘disordinato potrebbe essere troppo sporco. Il numero di animali domestici in casa, il tipo di razza, la personalità del cane, le dimensioni generali e altri fattori possono influenzare quanto un cane possa essere sporco o disordinato a un determinato proprietario.

Inoltre, un “pasticcio” può essere diverso per ogni proprietario di cane, e potrebbe includere lo spargimento del cane e la pelliccia, mangiare o bere comportamento e sbavare, odore, problemi di violazione della casa, comportamento di scavo o problemi di salute che potrebbero portare a comportamenti disordinati o problemi al corpo .

Razze di cani più puliti

A seconda di come il proprietario di un cane definisce un cane sporco, ci sono un certo numero di razze che sono generalmente considerate tra i cani più puliti disponibili. Mentre i cani individuali possono variare anche all’interno della stessa razza, queste razze di cani hanno in genere meno problemi con la perdita di pelo e forti odori naturali, sono meno inclini a comportamenti di disordine e sono più facilmente addomesticati. I cani più puliti includono:

  • American Hairless Terrier
  • Basenji
  • Bedlington Terrier
  • Bichon Frise
  • Chihuahua
  • Chow chow
  • Dalmata
  • Pinscher tedesco
  • Levriero
  • Mento giapponese
  • Maltese
  • Segugio del faraone
  • Barboncino
  • Whippet
  • Xoloitzcuintli

 

Mantenere il tuo cane pulito

Non importa quale razza di cane tu abbia, sarà un cane sporco e disordinato se non prendi le misure adeguate per tenere pulito il tuo animale. Per mantenere il tuo cane il più pulito può essere:

  • Fai il bagno e pulisci il tuo cane regolarmente, usando gli shampoo, i pennelli e altri strumenti per la toelettatura adatti agli animali domestici. Assicurati di tagliare il pelo del tuo cane in punti maleodoranti, come nella parte posteriore, i peli lunghi che rimangono bloccati nelle orecchie o il pelo sul viso che potrebbe incastrarlo.
  • Dai da mangiare al tuo cane una dieta sana e nutriente. Molti odori del corpo e della bocca sono causati da una cattiva alimentazione, e una cattiva alimentazione può anche contribuire a perdere pelo e spargimento eccessivo, frequenti defecazioni e problemi di salute che possono portare a più pasticcio e odori.
  • Visita regolarmente il veterinario per i controlli e includi le cure dentistiche nel regime medico del tuo cane. Un cane sano produrrà meno odori e svilupperà meno problemi che possono portare a condizioni disordinate o altre difficoltà.
  • Dai al tuo cane un sacco di esercizio fisico e allenamento appropriato con rinforzo positivo. Lavorare sull’energia extra del tuo animale domestico assicurerà che non ci siano disordinati comportamenti distruttivi, e se il tuo cane è adeguatamente addestrato, sarà meno probabile che crei disagi indesiderati.
  • Mantieni pulito lo spazio vitale del tuo cane. Ciò include il lavaggio della biancheria da letto e dei giocattoli, l’aspirazione o la pulizia di pavimenti e l’adozione di altri passaggi per la pulizia in modo che nessun odore, sporco, pelo di capannone o altri problemi diventino problematici.

Tutti i cani possono essere almeno un po ‘sporchi, a volte, ma se conosci il cane più pulito e fai i passi per mantenere il tuo cane pulito, quei problemi possono essere ridotti al minimo e non penserai mai di avere un cane sporco.

Vedi il prodotto su Amazon

Ultimo aggiornamento il 19 Marzo 2019 14:42

Perché è importante non lasciare i tuoi animali in auto durante i caldi mesi estivi

Può essere mortale lasciare un animale domestico in una macchina durante l’estate, anche se un giorno sembra bello, sono solo pochi minuti o l’animale sembra a posto.
Imparare e conoscere i fatti sulle calde giornate estive e su come gli animali domestici possono essere esposti e colpiti è fondamentale per salvaguardarli e assicurare che stiano freschi e confortevoli anche nei giorni più caldi.

Anche i giorni meno ” Caldi ” diventano bollenti in auto


Non ci vuole un giorno di 100 gradi per trasformare una macchina in un forno, quando la temperatura è di 25 gradi all’esterno, potrebbe non sembrare eccessivamente calda, ma la temperatura all’interno di un’automobile può superare i 45° gradi in soli 30 minuti.
Quando si trova a 40° gradi all’esterno, quella stessa mezz’ora può trasformare l’interno di una vettura in una fornace di 50° gradi.

Parcheggiare all’ombra o con il finestrino basso non serve a nulla


Molti proprietari di animali domestici credono erroneamente che parcheggiare all’ombra o aprire finestre di un paio di centimetri manterranno l’auto abbastanza fresca per i loro animali domestici.
Molteplici studi indipendenti hanno dimostrato, tuttavia, che non vi è alcuna differenza visibile nella velocità con cui l’interno di una vettura si riscalda anche se questi trucchi vengono utilizzati, e gli animali domestici sono ancora in pericolo.

L’umidità è ancora più dannosa


Quando una giornata calda è umida, gli animali sono ancora più in pericolo. La maggior parte degli animali domestici si raffredda ansimando ed evaporando l’umidità dalle loro lingue, e l’umidità non può evaporare così efficacemente in condizioni di estrema umidità, il problema dell’umidità rimane sempre nascosto sopratutto se la temperatura generale fuori può sembrare più fresca rispetto alle più calde giornate estive.

Non lasciate mai l’auto accesa con il condizionatore


Mentre può sembrare che lasciare la macchina con il climatizzatore acceso sia una soluzione facile per tenere un animale a suo agio in auto, è irresponsabile. Un guasto meccanico può spegnere il motore e l’aria condizionata, causando le stesse condizioni pericolose per l’animale, e una macchina con le chiavi in ​​esso è un bersaglio più favorevole per i ladri, rendendo l’animale vulnerabile a essere rubato o ferito. Se l’animale è allentato in macchina, può anche bussare contro il cambio o altrimenti attivare il veicolo in qualche modo, causando un incidente o altri problemi.

I nostri animali sono quelli più esposti al caldo

Mentre tutti gli animali domestici sono a grave rischio se vengono lasciati in una macchina in un giorno d’estate, alcuni animali domestici sono a rischio ancora maggiore rispetto ad altri. Gli animali domestici molto giovani o anziani sono più sensibili agli effetti del calore e possono soccombere più rapidamente, mentre gli animali domestici con musi più corti, la pelliccia scura, i cappotti pesanti o quelli in sovrappeso sono anche più a rischio di surriscaldamento.

Iniziamo a conoscere le leggi

In alcuni stati, è contro la legge lasciare un animale domestico all’interno di un’auto bollente, e i proprietari di animali domestici negligenti possono trovarsi di fronte a violazioni o incriminati di crudeltà sugli animali e possono essere soggetti a multe, carcere o altre sanzioni. Possono anche essere responsabili per le spese derivanti dal personale di emergenza che salva l’animale da un’automobile calda.

 

Non è mai una buona idea lasciare un animale domestico all’interno di un’auto durante l’estate, anche se il giorno sembra bello, l’auto è parcheggiata all’ombra e l’animale domestico non sembra a disagio. Capire quanto velocemente le macchine si surriscaldano e altri rischi che gli animali devono affrontare nelle auto più calde può aiutare tutti i proprietari di animali domestici a ricordare di tenere i loro animali domestici freschi e al sicuro per tutta l’estate.

 

Vedi il prodotto su Amazon

4,99€
disponibile
1 nuovo da 4,99€
1 usato da 4,98€
Amazon.it
Spedizione gratuita
26,99€
disponibile
1 nuovo da 26,99€
Amazon.it
Spedizione gratuita
29,45€
29,50
disponibile
3 nuovo da 29,45€
15 usato da 19,80€
Amazon.it
Spedizione gratuita
Ultimo aggiornamento il 19 Marzo 2019 14:44

La piscina è sicura per i vostri animali domestici?

La piscina è un luogo ideale per la tua famiglia e gli animali domestici per trascorrere le loro estati. È la soluzione perfetta per rinfrescarsi, prendere il sole e divertirsi. Tuttavia, come con i bambini piccoli, il tuo cane può essere potenzialmente a rischio di farsi male se non adeguatamente supervisionato. Non tutti i cani sono grandi nuotatori e non tutte le piscine sono considerate amichevoli dei cani.

La regola numero uno per la sicurezza del nostro animale è quella di non lasciarlo mai da solo incustodito attorno a una piscina.
Questa potrebbe essere una situazione molto pericolosa, se sei consapevole che il tuo cane non è un grande nuotatore, allora investi in un giubbotto di salvataggio per migliorare la galleggiabilità.
Ciò manterrà il tuo cane più visibile se è piccolo e in grado di fornirgli un po ‘di sicurezza in più. Non si dovrebbe mai dare per scontato che tutti i cani possano nuotare.
Alcuni cani devono essere addestrati a nuotare mentre per altri è un gesto naturale e per altri è quasi impossibile.

Riconoscere in quale categoria risiede il tuo cane ci aiuterà ad essere sicuri di prendere le dovute precauzioni per garantire la sua salute e sicurezza ed evitare il potenziale di annegamento.
Inoltre, se il tuo cane è più vecchio o ha una malattia come l’artrite, sarebbe utile assicurarsi che abbia un giubbotto.
I cani devono essere introdotti in acqua correttamente prima di poter iniziare a divertirsi. Gli animali domestici sono facilmente irritati dal cloro. Come gli esseri umani, i loro occhi e la loro pelle possono diventare potenzialmente aggravati se non vengono presi i provvedimenti necessari. Assicurati di lavare il tuo cane con acqua fresca per evitare irritazioni e danni alla tua casa quando il cane rientra in casa. Evitiamogli di causare uno stress ogni volta che entriamo in piscina, obbligandolo a fare una azione che lui non ritiene naturale.

Non far bere al tuo cane l’acqua della piscina

Anche se potrebbe essere allettante, evita di permettere al tuo cane di bere l’acqua della piscina. Il cloro e le sostanze chimiche utilizzate nella piscina provocheranno il mal di denti con problemi di salute come secchezza delle fauci o disturbi gastrici, il che non è divertente per nessuno. Molte di queste stesse precauzioni e suggerimenti si applicano anche a stagni, fiumi e laghi.

Sebbene siano dichiarati più sicuri per i cani perché hanno uscite migliori e una mancanza di sostanze chimiche, questi posti possono anche essere dannosi. Non lasciare che il tuo cane consumi stagno, pozzanghera o acqua del lago. Queste aree sono una fonte comune di parassiti che causano problemi gastrointestinali che possono essere trasmessi anche ad altri membri della tua famiglia. Tieni d’occhio su di loro per assicurarti che non vaghino e raccolgano oggetti nocivi come pesci morti o vetri rotti.

In sostanza, quando si tratta di sicurezza degli animali domestici intorno alle piscine, i pericoli  sono molto simili a quelli delle persone.
Quindi, prima di fare un grande salto con il tuo animale domestico in questa stagione, tieni a mente queste cose per assicurarti che tutti nella tua famiglia abbiano un’estate sicura, divertente ed eccitante.

 

 

Cosa è meglio per il tuo cane: il guinzaglio o l’imbracatura?

Mi viene chiesto tutto il tempo, che è meglio per i cani: usare il guinzaglio o usare un collare? La semplice risposta è nessuno, lascia correre il tuo cane selvaggio e libero! A parte le battute, la verità è che la risposta giusta è quella che meglio si adatta alle esigenze del tuo cucciolo.
Alcuni proprietari di cani trovano più facile camminare con il proprio cane usando un colletto, mentre altri preferiscono usare un’imbracatura. Ogni animale risponderà alle imbracature e ai collari in diversi modi, quindi tieni presente che non esiste un unico metodo adatto a tutti.

Dato che determinare cosa è meglio per il tuo cane quando si tratta di usare un guinzaglio o un’imbracatura richiederà un po ‘di prove ed errori, immergiti in questo articolo per imparare i pro e i contro di ciascuno per fare la migliore ipotesi per il tuo animale domestico. Per iniziare, le imbracature sono in genere più adatte per le razze più piccole di cani. I cani più piccoli possono a volte essere soffocati o danneggiati da un collare poiché hanno in genere una trachea più morbida, il che significa che il collare può esercitare molta pressione sulle vie respiratorie degli animali domestici.

Inoltre, se hai un cane che ha una predisposizione per problemi respiratori a causa di una faccia accorciata come un bulldog francese o un Boson Terrier, un’imbracatura permetterà al cane di respirare meglio e di raffreddarsi ansimando durante le passeggiate. Non solo sono adatti per le razze più piccole, le imbracature possono anche servire come strumento di allenamento efficace, specialmente per i cuccioli. I finimenti ti permetteranno di avere un controllo migliore sul tuo cucciolo mentre cammini, perché scoraggia il tiro e il salto. Mentre cammini, il tuo cane sarà in grado di astenersi dalle distrazioni e prestare maggiore attenzione a te e ai suoi dintorni senza strattonarti. Lo svantaggio di usare un’imbracatura è in gran parte legato a come il tuo cucciolo si sente di indossarlo.

 

Molti cani più grandi lo trovano troppo costrittivo e non amano la sensazione di avere una bardatura sulla schiena con una clip al guinzaglio. Se si desidera utilizzare un’imbracatura per il proprio cane, optare per uno con una clip frontale, in quanto è più utile per addestrare il cane a non tirare mentre si cammina. Detto questo, i collari sono ottimi per cani di grossa taglia perché hanno trachea più forti e spesso non amano la sensazione di un’imbracatura. I collari sono perfetti per quei cani dove hai bisogno di un po ‘più di rinforzo mentre cammini il tuo cane come un soffocamento o un colletto.

 

I cani di grossa taglia possono talvolta avere grandi personalità, il che significa che la spinta su un’imbracatura non sempre li porta a non inseguire lo scoiattolo su un albero. Con un collare a soffietto, puoi aiutare ad addestrare il tuo cane a camminare e comportarti in modo efficace mentre sei all’aperto. I collari sono anche più comodi delle imbragature in quanto scivolano e si spengono molto più facilmente e possono anche contenere l’identificazione dei cani, la rabbia e altre etichette di vaccinazione / licenza. I contro per un collare sono spesso possono aumentare la probabilità di lesioni al collo o alla testa e aumentare la pressione oculare.

Vi sono chiari vantaggi nell’utilizzo di collari e imbracature. Parlate con il vostro veterinario su quale sia il migliore per voi e il vostro animale domestico. Ogni cane risponderà in modo diverso, ma alla fine ti aiuterà a determinare qual è l’opzione più adatta. Ascolta e presta attenzione al tuo cane mentre cammini per decidere se imbracatura o colletto sia veramente migliore dell’altro.

 

Vedi il prodotto su Amazon

7,99€
15,12
disponibile
23 nuovo da 7,94€
3 usato da 7,83€
Amazon.it
Spedizione gratuita
6,34€
disponibile
2 nuovo da 6,34€
Amazon.it
Spedizione gratuita
Ultimo aggiornamento il 19 Marzo 2019 14:51

Come conoscere i segni di allergie negli animali domestici

Le allergie negli animali domestici sono più rare delle allergie negli esseri umani, ma possono comunque rendere gli animali a disagio e reazioni gravi possono causare gravi problemi di salute. I proprietari di animali domestici che riconoscono i sintomi allergici del loro animale domestico possono prendere provvedimenti per alleviare il disagio e aiutare gli animali domestici a condurre una vita felice e sana.

Cos’è un’allergia?

Un’allergia è la reazione del sistema immunitario a qualcosa che percepisce come una minaccia. Quando il sistema immunitario prende di mira un allergene, prende i passi necessari per minimizzare la minaccia ed eliminarla dal corpo. Quando quella minaccia percepita è un elemento ambientale comune, tuttavia, le reazioni allergiche possono intensificarsi e diventare acutamente scomode perché è impossibile rimuovere completamente l’allergene indesiderato. In questi casi, il trattamento medico può aiutare ad alleviare i sintomi e aiutare gli animali domestici ad adattarsi senza troppi disagi.

Sostanze alle quali gli animali sono più facilmente allergici:

  • Sostanze chimiche
  • Fumo di sigaretta
  • Polvere
  • Tessuti
  • Pulci
  • Alimenti
  • Medicazione
  • Muffa
  • Profumo
  • Polline
  • Le zecche

La gravità delle allergie degli animali domestici varierà, e non tutti gli animali domestici hanno la stessa reazione allo stesso allergene. Alcuni animali possono anche essere allergici a più oggetti, rendendo più difficile individuare i pericoli allergici che causano reazioni scomode.

Sintomi di allergia negli animali domestici

Gli animali domestici possono reagire alle allergie in vari modi. Le reazioni tipiche includono:

  • Prurito, pelle arrossata
  • Eccessivo graffio o mordente come un tipo di graffio
  • Occhi o naso eccessivamente gocciolanti
  • Starnuti o dispnea
  • Vomito, diarrea o altri problemi digestivi
  • Respiro russare o irregolare durante il sonno
  • Leccate costanti, in particolare della stessa area
  • Zampe gonfie o arrossate
  • Infezioni dell’orecchio cronico o perdita di orecchio
  • Perdita di capelli in aree a chiazze
  • Welts, piaghe o croste sulla pelle
I sintomi di allergia degli animali domestici possono variare di giorno in giorno, a seconda di cosa sta causando la loro reazione e il loro livello di esposizione all’allergene. Quando i sintomi sono ricorrenti o aumentano di intensità, tuttavia, è importante cercare l’assistenza di un veterinario per una corretta diagnosi dell’allergia e trovare il trattamento appropriato per rendere l’animale più a suo agio.
In alcuni casi, i semplici cambiamenti nello stile di vita possono ridurre o eliminare drasticamente i sintomi dell’animale, mentre allergie più gravi possono richiedere un trattamento continuo. In ogni caso, tuttavia, notare e riconoscere i segni di allergie negli animali domestici è il primo passo per aiutare a ridurre al minimo il disagio di quelle allergie.

 

Preparare la casa per l’arrivo di un nuovo gatto

Cat-proofing” è il termine che definisce la preparazione della tua casa in attesa dell’arrivo di un nuovo gatto, quando arriva un nuovo amico a 4 zampe, ci sono cose pericolose che dobbiamo nascondere per evitare che il nostro amico si faccia male, ci sono anche cose che vogliamo proteggere dalla sua vitalità.

Corde e oggetti appesi


Quasi tutto ciò che è appeso molto probabilmente verrà graffiato o preso nelle sue dolci zampine. I cavi elettrici di tv, modem e decoder devono essere assolutamente tenuti al di fuori della portata. Soprattutto dovrai essere molto cauto con i tuoi cavi dietro la tv, o i cavi per computer saranno uno dei suoi appigli preferiti, quindi consolidali collegandoli tutti insieme e fissandoli con stabilità alla scrivania o al muro. Altre cose che dovrebbero essere considerate sono appesi cavi telefonici soprattutto per evitare che si possa tirare in testa il vostro cordless.

Fai sparire le piccole cose

Anche gli oggetti domestici più piccoli che normalmente non penseremmo mai di dover raccogliere devono essere tolti dal pavimento. Cose come elastici, graffette, ecc. Dovrebbero essere tolti perché potrebbero essere un rischio di soffocamento per il tuo gatto.

Togli le Trappole tossiche


Se vivi in una zona con una presenza di topi o altro avrai sicuramente messo delle trappole con colla velenosa in qualche angolo della tua casa, tutte quelle trappole che hai predisposto per i parassiti possono anche essere dannose per i tuoi gatti, quindi se sono essenziali, assicurati che si trovino in un punto in cui il gatto non possa assolutamente raggiungerle.

I tuoi oggetti di valore
I gatti salteranno ovunque possano arrivare. Questo è solo il fatto di possedere un gatto, quindi se hai un vaso della dinastia Ming (o solo un bel fiore) che non vuoi frantumarlo, mettilo da qualche altra parte dove non può essere saltato addosso e rovesciato. Fai attenzione anche se hai un gatto a cui piace grattare tutto in vista.

Cosa Succede se si Sveglia un Gatto mentre Dorme? Le Reazioni Assurde

Ti sarà capitato molte volte di voler svegliare il gatto mentre dorme, ma per paura di eventuali ripercussioni hai sempre evitato e in realtà non hai fatto male. Quali sono i comportamenti se dovesse esser svegliato nel suo momento di relax?

I gatti dormono la maggior parte delle ore perché necessitano di farlo. Sono dei momenti di relax totale in cui si ricaricano per poi essere più forti che mai. Quel che forse non sai è che nonostante ciò, i felini sono sempre sull’attenti.

Fai dormire il tuo gatto in tranquillità

I felini sono una tipologia di animali che hanno un comportamento particolare e a se stante, per alcuni (sopratutto per chi possiede un cane) quasi incomprensibile. I gatti per esempio, nonostante riposino circa 16 ore su 24, non sono del tutto assenti, infatti vigilano anche quando sembra che stiano dormendo.

Premettendo che ogni gatto ha un carattere che varia in modo soggettivo, ma la gran parte di essi odia esser svegliati nella loro fase REM. Le reazioni potrebbero essere più o meno negative, solo il padrone conosce a pieno il suo animale domestico.

Disturbare un felino nel suo momento di rilassamento, non solo equivale a impedirgli di rasserenarsi ma scuoterai il suo sistema nervoso.

Maometto tagliò una parte del proprio mantello per non svegliare il gatto che ci dormiva sopra.

Disturbare un gatto mentre dorme: ecco gli effetti controproducenti [VIDEO]

Come è stato spiegato precedentemente, ogni gatto avrà una sua reazione. Al momento del risveglio è altrettanto importante attendere che sia lui a venire da te per farsi coccolare, giocare o semplicemente richiedere il cibo nei suoi pochi momenti di fame.

Nei due video che ti mostrerò qui sotto, vedrai due reazioni differenti nel momento in cui si prova a svegliare un gatto mentre dorme.

Reazione decisamente aggressiva

In questo caso la reazione è decisamente aggressiva. Come si nota il felino non ha affatto gradito di esser stato toccato nella sua fase REM.

Al risveglio è in stato di agitazione, difficilmente metabolizzerà che il suo padrone voleva solamente regalargli un senso di affetto.

Il felino che apprezza notevolmente

In questo video è il gatto dorme adorabilmente e si nota dal viso la felicità e il senso di pace che sta provando. La padrone lo riempie di coccole, nonostante lui stia riposando si evince la goduria e il piacere di quelle carezze.

Naturalmente bisognerebbe prestare sempre molta attenzione in questi momenti delicati, soprattutto variabili non solo in base al carattere ma anche allo stato d’animo del tuo gatto domestico.

I cani si sentono membri della famiglia, ora lo conferma anche la scienza

Senza dubbio per noi i cani sono come dei figli, non ci serviva una ricerca scientifica per provarlo, ma la curiosità sicuramente la fa da padrone e a volte è curioso sapere cosa pensano i nostri amici a 4 zampe fa sicuramente piacere.

Ma se noi li consideriamo come dei figli, loro come ci vedono esattamente?

Per loro siamo padroni? Amici? compagni di un viaggio che per loro è fatto di croccantini e coccole? o semplicemente degli umani che gli danno da mangiare a comando?

Se per ora solo voi avete pensato che quel simpatico pelosetto che vi girava per casa fosse degno dell’amore che date ad un figlio, ora abbiamo la certezza che anche noi per lui siamo come dei figli, si sente parte della nostra famiglia allo stesso modo che noi lo consideriamo parte della nostra.

Ora la scienza è riuscita a dimostrare che per il cane riconosce la sua famiglia umana come fosse un’appartenente della propria famiglia, un insieme fatto di attenzioni e coccole, arrivando addirittura a sviluppare un istinto familiare di protezione come in una gerarchia consolidata.

Uno studio scientifico che ha studiato il comportamento dei cani

Un gruppo di ricercatori ha infatti utilizzato una risonanza magnetica su un campione di cani rilevando la loro attività celebrale dopo averli sottoposti a una serie di stimoli. I cani sono preparati ad affrontare tutti questi nuovi stimoli per poter avere una diagnosi quanto più possibile vicino alla perfezione, la preparazione che ha permesso di eseguire agli studiosi gli esami consisteva in stimoli positivi che hanno permesso agli animali di mantenere la calma durante gli esami, queste tecniche hanno permesso agli studiosi di mappare la zona del cervello in cui si concentrano le emozioni.

Da questa mappatura è risultato che l’attività dei cani aumentava nel momento in cui venivano indicati segnali legati a oggetti, cibo, odori di persone vicine o comunque stimoli correlati ad un essere umano familiare. Un risultato che arriva a confermare anche i dati di un precedente studio che aveva registrato un intensificarsi dell’attività mentale degli animali quando i cani ascoltavano la voce di qualcuno che conoscevano.

Queste ricerche scientifiche sicuramente hanno dato un risultato scontato per il 90% di noi padroni di cani, ma sicuramente per noi che diamo veramente un pezzo di cuore a questi pelosetti hanno un valore di ritorno molto significativo,  anche quando andiamo via per un caffè e li sentiamo piangere ci viene a magone incredibile o abbiamo paura per loro quando c’è il temporale o i fuochi d’artificio tanto fastidiosi per le sue piccole orecchiette.

Tutto sommato continueremo a voler bene al nostro pelosetto come se fosse un figlio, con o senza studi scentifici.

Come fermare il bullismo nel tuo cane

I cani sono animali molto sociali che sono molto a loro agio anche in compagnia, ma ciò non significa che tutti i cani vadano d’accordo tra di loro, anzi. Può essere imbarazzante e persino pericoloso quando un cane diventa un bullo, ma per fortuna ci sono molti modi in cui il proprietario di animali responsabile può correggere il comportamento da bullo del proprio cane.

Come riconoscere se il tuo cane è un bullo

Il comportamento da  bullo può essere difficile da rilevare ed è spesso respinto ed accettato come giocosità. Il bullismo canino non è necessariamente  una manifestazione del cane in modo aggressivo o cattivo, e potrebbe essere solo un cane troppo zelante che sta intimidendo gli altri cani. Qualsiasi razza di cane può avere caratteristiche di bullismo e i segni comuni del bullismo includono:

  • Stato di Enfasi o di Rabbia molto rapido ma impiega molto più tempo per calmarsi
  • Comportamento distruttivo, in particolar modo quando è eccitato
  • Eccessivo ringhio o un abbaiato molto forte
  • Incapacità di mettere a fuoco o seguire i comandi, specialmente nelle nuove situazioni
  • Fissa direttamente gli altri cani mentre si tiene rigido il corpo e la coda
  • Vincere sui compagni di gioco a terra o ignorare i segnali di sottomissione
  • Foga eccessiva nel montaggio come tattica di dominio piuttosto che per accoppiamento

Mentre uno o due di questi comportamenti possono non sembrare disturbanti, i comportamenti ripetuti di bullismo possono causare problemi sia ai cani che ai proprietari di cani. Un cane prepotente può entrare in liti o anche ferire inavvertitamente gli altri cani. Se il comportamento di un cane è particolarmente grave, può essere rifiutato sulle spiagge pubbliche, i canili, gli asili nido o le strutture per l’imbarco, e possono essere aggiunte delle spese supplementari per le chiamate veterinarie per un animale difficile. La correzione del comportamento di bullismo può tuttavia minimizzare questi problemi e aiutare un cane a socializzare in un modo più appropriato.

Proteggi il tuo cane dagli altri

Se il tuo cane mostra segni di predominanza e abbiamo il sospetto sia un bullo, è importante correggere quel comportamento il prima possibile. Ci sono dei passi da fare prima che inizi il vero e proprio bullismo e altre tecniche per aiutare un cane a comportarsi in modo più appropriato anche se è naturalmente più eccitabile e aggressivo.

  • Sterilizzazione o Castrazione – Un cane sterilizzato avrà livelli ormonali inferiori e una minore resistenza nei confronti del comportamento aggressivo, incluso il bullismo. Ciò non significa che un cane sterilizzato o castrato non sarà mai un bullo, ma livelli di ormone più bassi possono aiutare a minimizzare il comportamento del bullo.

  • Socializzare da Cucciolo – Quanto prima un cucciolo è abituato a stare con gli altri animali, prima impara a comportarsi con i suoi compagni di viaggio, gli umani e altri cani, tanto più imparerà a comportarsi in modo appropriato. I cuccioli dovrebbero iniziare a socializzare già da 3 settimane. Man mano che invecchiano, esponendo con cura un cucciolo a diverse situazioni, si espanderà la sua socializzazione.

  • Addestramento coerente – Un cane che è stato addestrato ad avere buone maniere e ha quell’allenamento continuamente rinforzato è meno probabile che sia un bullo. Tutti i membri della famiglia dovrebbero essere coerenti con l’addestramento del cane, e i comandi dovrebbero essere usati fermamente quando necessario.

  • Interruzione secondo necessità – Non appena un cane mostra qualche indicazione di bullismo, quel comportamento deve essere interrotto e il focus del cane viene reindirizzato su una attività più solare. Questo può essere attraverso un comando vocale rigido e impostato, uno ” Stop ” deciso, solo dopo che il cane si è calmato gli va concesso di ricominciare a giocare.

  • Esercitarsi in modo appropriato – Un cane che non è stato abituato ad uscire frequentemente avrà più energia da bruciare ed è più probabile che si attacchi a comportamenti di bullismo quando viene messo in una situazione stimolante. Una buona camminata, un ampio tempo libero e altri esercizi controllati possono aiutare a minimizzare il bullismo.

  • Conoscere i limiti del cane – Tutti i cani hanno personalità diverse e qualsiasi cane può diventare un bullo in determinate circostanze. I proprietari di cani dovrebbero essere molto in sintonia con gli indizi del loro animale domestico e sapere quanta stimolazione può gestire il cane prima che inizi il comportamento da bullo e limitare i tempi eccitabili per assicurarsi che non vi siano opportunità di bullismo.

  • La ricompensa quando fa il bravo – Quando un cane arresta il bullismo o risponde ai comandi per fermare attività indesiderate, quella risposta dovrebbe essere lodata e premiata in modo appropriato. Ciò rafforzerà l’idea di un buon comportamento per il cane e aiuterà a minimizzare il bullismo.

Un cane bullo può essere un pericolo per se stesso, il suo proprietario e altri cani. Comprendendo i segni del bullismo e come prevenirlo, i proprietari di cani possono essere sicuri che i loro animali domestici siano sempre correttamente comportati.